Blatte in casa, escono fuori dal WC: come farle sparire in meno di 24 ore

Quando si scopre di avere le blatte in casa si rimane schifati e terrorizzati per giorni. Scoprire da dove arrivano e perché, è fondamentale perché permette di risolvere il problema una volta per tutte. 

Blatte in casa
Blatte in casa – imilanesi.nanopress.it

Ci possono essere delle cause ben precise alla base dell’infestazione, ecco perché una volta scovate si può stare finalmente sereni.

Le blatte in genere vengono fuori di notte in estate nel corso delle serate calde. Quando meno te lo aspetti ecco che sbucano fuori dal nulla, non c’è niente di peggio dell’accendere la luce e scovarne una sul muro, ferma immobile, pronta a fuggire via facendo perdere le tracce in men che non si dica.

Tutto ciò che c’è da sapere sulle blatte

Le blatte sono degli scarafaggi dal corpo allungato e schiacciato, marroncine, hanno delle antenne lunghe, delle zampe sottili e robuste e degli uncini che consentono loro di arrampicarsi con estrema agilità su qualunque superficie.

Possono essere di caratteristiche o dimensioni differenti. Alcune vanno dai 3 ai 4 cm di lunghezza, altre sono più grandi, altre ancora sono dotate di ali tramite le quali si spostano in pochi secondi, altre ne sono sprovviste e quindi camminano e basta.

Ad ogni modo, qualunque esse siano, si nascondo nei balconi, nei bagni, nei sottoscala, negli anfratti e nelle cantine perché sono per loro luoghi ospitali. In molti casi si trovano nascosti persino sotto gli elettrodomestici. Il motivo è uno principalmente: producono calore mentre sono in funzione.

Amano in particolare gli ambienti riparati, umidi, caldi, bui, riparati ma ovviamente si possono trovare da qualunque altra parte persino dentro le credenze o nelle dispense grazie alla natura adattabile.

Da cosa sono attratte le blatte

Le blatte risultano essere attratte dalle briciole, da qualsiasi avanzo, dai dolci, dai biscotti, insomma da tutte le sostanze zuccherine o dalle marmellate, dalla pasta, dal pane e infine dalla carne.

blatte-imilanesi.nanopress.it

Finché se ne trova una ogni tanto, non è un problema o comunque lo è ma nei limiti del risolvibile. Quando invece ci si trova la casa letteralmente infestata allora sì che diventa un problema serio. A questo punto viene spontaneo chiedersi, da dove arrivano?

Bisogna sapere che tra tutte le ipotesi, ce ne sono tre particolarmente avvalorate. Sono tre i luoghi dai quali possono venire le blatte in grande numero, alla base vi è una grande verità. Scarsa igiene. Meno igiene c’è, più c’è il rischio di avere una vera e propria intestazione di blatte.

Ecco perché non bisognerebbe mai lasciare in giro avanzi di cibo, pattume, perché le blatte vengono attratte dall’odore, per cui mangiano, vivono e proliferano in quell’ambiente, il che diventa oltre che schifoso, pericoloso.

Gli ambienti dai quali fuoriescono le blatte

Il primo luogo dal quale le blatte fuoriescono allegramente è il water. Vivono tranquille e indisturbate negli ambienti umidi e caldi, in questo caso nelle fognature, poi esco o fuori e vanno ad infestare gli ambienti domestici soprattutto se sono in atto lavori di manutenzione o di ristrutturazione.

blatte-imilanesi.nanopress.it

In alternativa possono arrivare dai cartoni di generi alimentari dei magazzini. Ovviamente non si trovano in tutti i magazzini del mondo, soltanto in quelli poco puliti e poco curati o non curati.

Infine possono provenire dalla casa del vicino magari disabitata o con problemi di infestazione di scarafaggi. Basta un tubo o un buco piccolissimo per passare da una casa all’altra portando con sé disagi e problemi di ogni tipo.

Come liberarsi delle blatte prevenendo la loro comparsa in casa

Prevenire così come eliminare gli scarafaggi una volta per tutte è difficile.  Nella maggior parte dei casi è necessario chiedere aiuto a persone specializzate, senza perdere tempo perché se depositano le uova, è la fine. Altre volte si può risolvere con il fai da te. 

rimedi blatte
blatte – imilanesi.nanopress.it

Quello che si raccomanda è evitare di utilizzare spray e insetticida di qualunque genere che non solo fanno male alla salute ma risolvono il problema soltanto sul momento.

Bisognerebbe provare piuttosto con dei metodi naturali, per esempio può tornare utile cospargere il pavimento con delle briciole di foglie di piante aromatiche essiccate. Queste fanno in modo che l’ambiente diventi ostile e non più ospitale per loro.

In alternativa si può utilizzare una miscela composta da bicarbonato di sodio e zucchero che si cosparge nelle zone più a rischio. Il composto per loro tossico è un ottimo repellente.