Bonus 800 euro, come funziona e chi può averlo: tutti i requisiti richiesti  

Sapevi che c’è un bonus di 800 euro che viene riconosciuto in alcuni casi specifici? Scopriamo come funziona, chi può averlo e quali sono i requisiti necessari per ottenerlo.

Bonus ottocento euro
Bonus ottocento euro – Imilanesi.Nanopress.it

Un aiuto sostanzioso arriva dall’Inps per alcune categorie di persone che risultano disoccupate. Si tratta di un bonus di 800 euro introdotto dalla legge di bilancio 2023, che viene erogato ai genitori disoccupati.

Ma cosa serve per riceverlo? Come ottenerlo e quali condizioni sono richieste? Questo bonus fa parte delle misure approvate nella legge di bilancio 2023 per venire incontro ai genitori che non lavorano.

Dunque, si tratta di aiuti specifici per quelle famiglie che si trovano in cattive condizioni economiche. L’Inps ha dunque previsto dei bonus per i genitori residenti in Italia, che anche per il 2023 sono stati confermati. Scopriamo di seguito cosa fare per ottenere il bonus di 800 euro e altri aiuti erogati dall’Inps ai genitori disoccupati e alle donne in attesa di figli!

Bonus-imilanesi.nanopress.it

Aiuti alle famiglie che sono in difficoltà

Quando i genitori non lavorano è normale che in famiglia ci siano dei problemi e soprattutto se ci sono figli a piangere le conseguenze sono proprio loro. Lo stato riconosce degli aiuti alle famiglie che sono in difficoltà, per aiutarle a superare questi momenti disagiati e provvedere ai bisogni della prole.

Una serie di aiuti alle famiglie sono previsti nella legge di bilancio 2023, che ha inserito delle nuove soluzioni dopo aver ribaltato il reddito di cittadinanza. Una delle novità è la social card, che i comuni erogheranno alle famiglie a basso reddito sotto forma di buoni spesa.

Altra novità introdotta nella legge di bilancio è il reddito alimentare, che verrà erogato a chi è povero. Questo aiuto in via di sperimentazione prevede la consegna di pacchi alimentari contenenti prodotti rimasti nei supermercati, che altrimenti verrebbero gettati nella spazzatura.

bonus-Imilanesi.Nanopress.it

Bonus bollette confermati anche per il 2023

Per il 2023 sono stati confermati anche i bonus per la luce, per l’acqua e per il gas. Ad avere diritto a questo bonus sono le famiglie che versano in condizioni economiche disagiate. I requisiti per ottenerli sono i seguenti:

  • Bonus acqua – ISEE non oltre 8.265 euro
  • Bonus gas e luce – ISEE non oltre 15.000 euro
  • Avere un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico e ISEE massimo di 20.000 euro

A chi spetta il bonus da 800 euro

Il bonus 800 euro verrà riconosciuto dall’Inps nel 2023 come premio nascita nei casi seguenti, gravidanza, parto, adozione o affidamento. Nello specifico, ecco quando viene riconosciuto:

  • Alla conclusione del settimo mese di gravidanza
  • Al parto, anche se avviene prima dell’ottavo mese di gravidanza
  • In caso di adozione sia di livello nazionale che internazionale, a patto che vi sia avvenuta sentenza definitiva, come previsto dalla legge 4 maggio 1983, n. 184
  • In caso di affido nazionale a scopo adozione, a patto che avvenga come previsto dall’art. 22, c. 6, l. 184/1983, oppure in caso di affido preadottivo internazionale, come previsto dall’art. 34, l. 184/1983.

Il bonus viene erogato tutto in una volta, a prescindere da quale sia il requisito per cui viene riconosciuto. Possono chiedere il bonus anche le donne che sono disoccupate e quelle che sono occupate.

Bonus di 6.000 Euro
Bonus di 800 Euro in arrivo – imilanesi.nanopress.it

Quali sono i requisiti necessari per richiederlo

Fra i requisiti che gestanti e mamme devono possedere vi è la residenza, che deve essere in Italia. Dunque, le richiedenti possono essere cittadine:

  • Italiane
  • Comunitarie
  • Non comunitarie
  • Devono vivere e risiedere nel nostro Paese

Per presentare la domanda bisogna farlo fra il compimento del 7° mese di gravidanza e l’inizio dell’8° mese. In alternativa, la domanda può essere presentata quando il bambino è già nato oppure subito dopo aver adempiuto alle documentazioni necessarie per adottare o ricorrere all’affido di un minore.