Ritiro urgente, scatta l’allerta alimentare: amatissimo prodotto | Buttalo subito

Richiesta di ritiro urgente per un prodotto consumato da tutti gli italiani, dai bambini e dagli adulti.

allerta alimentare
allerta alimentare – iMilanesi.Nanopress.it

Il ritiro urgente è stato annunciato da Unes, si tratta di un prodotto in vendita all’Esselunga e all’Esselunga. Il ritiro è stato richiesto ed avviato soltanto in via del tutto precauzionale.

Secondo le prime informazioni il prodotto sarebbe stato ritirato per rischio microbiologico.

Ritiro urgente, il comunicato dell’Unes

La notizia del ritiro urgente è stata diffusa da Unes sul sito internet, per quanto riguarda il prodotto in questione, si tratta dei wurstel classici snack al formaggio della Wudy, Aia. Chi ha acquistato le confezioni con le seguenti date di scadenza, 20/09/2022 e 5/12/2022  deve riportarli presso il punto vendita nel quale sono stati acquistati. Si può richiedere la sostituzione del prodotto. Il marchio di identificazione dei wurstel richiamati è It04mce.

ritiro urgente – iMilanesi.Nanopress.it

L’azienda raccomanda sempre di tenere il prodotto ad una temperatura che va da 0 a 4 gradi centigradi e di consumarlo soltanto dopo la cottura. I wurstel Aia possono essere cotti 6 minuti in una padella già calda, oppure dentro l’acqua bollente. Anche dopo la richiesta di ritiro urgente del prodotto, questo può essere consumato come appena spiegato.

Cosa succede se si mangia cibo contaminato

E così ancora una volta, i supermercati si trovano al centro di una questione preoccupante, che ha a che fare con dei prodotti alimentari consumati dai più e la salute dell’uomo. I wurstel, così come molti altri alimenti, pratici, buoni ma certamente non salutari, potrebbero causare non pochi problemi a chi li consuma, soprattutto se da crudi in caso di contaminazione batterica.

ritiro urgente-Donna.nanopress.it

A fare particolare attenzione e quindi ad evitarne la consumazione, devono essere tutti coloro che sanno di avere il sistema immunitario indebolito. Oppure chi è in gravidanza o chi ha più di 65 anni di età.

I prodotti a rischio microbiologico sono tutti quelli lavorati, i latticini non pastorizzati.

Sintomi, cosa fare in caso di consumo di cibi contaminati

Dopo il consumo di prodotti contaminati, può essere utile un trattamento con gli antibiotici. I sintomi che si possono manifestare a causa dell’ingestione di cibo contaminato sono, dolori muscolari, oppure febbre, i brividi, nausea, diarrea.

ritiro urgente – iMilanesi.Nanopress.it

Questi, potrebbero manifestarsi nell’immediato, oppure dopo 30 giorni. Se si dovesse avere la certezza di aver mangiato del cibo contaminato la prima cosa da fare è attenzionare i sintomi e la seconda contattare il medico.