1000 euro per ogni figlio, chi può presentare domanda entro il 15 dicembre

Ricevi subito un ricco bonus di 1000 euro per ogni figlio, conviene affrettarsi: la domanda scade presto. Vediamo insieme chi può fare richiesta.

bonus 1000 euro per ogni figlio
Bonus 1000 euro per ogni figlio – imilanesi.nanopress.it

Una notizia che ha portato gioia a tantissime famiglie: è prevista l’erogazione di un ricco bonus di mille euro per ogni figlio. Si tratta di un bonus una tantum, vale a dire un sussidio economico che si riceve solo per una mensilità. La possibilità di fare domanda ha una scadenza: a partire dal giorno 15 dicembre non sarà più possibile inoltrare richiesta.

Questo è un bonus estremamente ben accetto dalle famiglie, specialmente in un momento così duro dal punto di vista economico. Il 2022 si è rivelato essere un anno molto complicato a livello internazionale: gli eventi terribili causati dalla guerra in Ucraina hanno avuto ripercussione su tutta l’economia europea e non solo.

1000 euro bonus figli
1000 euro bonus figli – Imilanesi.it

Questa situazione ha portato l’Italia a dover far fronte a diversi e pesanti problemi economici. La prima conseguenza verificatasi è stata l’aumento dell’inflazione: ad oggi si registra un picco del 12%. L’inflazione ha provocato un esagerato carovita generalizzato, ovvero in ogni ambito di acquisto.

Le bollette di luce e gas sono aumentate del 65% e si verifica un rincaro elevato dei prodotti alimentari, della cura personale e della cura della casa. Questo è il quadro generale, ed è facile capire come le famiglie con figli in questa situazione si trovino in difficoltà come mai prima d’ora. Per far fronte all’inflazione e al carovita si è deciso di aiutare alcune famiglie con questo ricco bonus di 1000 euro per ogni figlio. 

Bonus di 1000 euro per ogni figlio: quel che devi sapere

Questo bonus rappresenta una vera e propria manna dal cielo per le famiglie con figli. Mandare avanti una famiglia intera e accontentare le richieste e i bisogni dei minori non è affatto un’impresa semplice. Come ogni altro bonus, però ci sono dei requisiti essenziali da rispettare per poter inoltrare richiesta. Al momento l’unico aiuto disponibile per le famiglie più in difficoltà è l’Assegno Unico Universale, ma risulta essere insufficiente per coloro che sono in possesso di un reddito basso. Giorgia Meloni però, fortunatamente, ha decretato un aumento del 50% di tale Assegno. Bisogna considerare anche la recente decisione di eliminare il Reddito di cittadinanza. Si tratta di un’eliminazione che porterà molte famiglie che ne avevano realmente bisogno ad avere un’importante entrata in meno.

Per tutti questi motivi e altri ancora, il bonus di mille euro per ogni figlio rappresenta una ventata d’aria fresca per moltissimi genitori. La possibilità di inoltrare domanda scade il 15 dicembre, bisogna affrettarsi. Importante è sapere che questo sussidio non vale solo per i figli biologici e naturali, vale anche in caso di adozione o affidamento. Qui di seguito approfondiamo nel dettaglio tutte le condizioni per rientrare tra i beneficiari di questo bonus ideato dalla cassa forense.

Bonus figli 1000 euro
Bonus figli 1000 euro – imilanesi.nanopress.it

Condizioni e requisiti per ottenere 1000 euro di bonus per ogni figlio

Come già detto, si potrà ricevere il bonus anche in caso di bambini adottati o avuti in affidamento. La condizione è che siano stati adottati tra il mese di novembre dell’anno 1999 e il mese di dicembre dell’anno 2021, rispettivamente giorno 1 e giorno 31. Se si rientra nei parametri richiesti si riceveranno in un’unica soluzione e lo riceverà solo uno dei due genitori sul conto corrente. Questo bonus è stato introdotto dalla cassa forense, dunque saranno i figli di avvocati a ricevere il sussidio. Per ottenerlo c’è un limite reddituale da non superare: solo chi è più in difficoltà avrà diritto alla sua ricezione.

Comunque sia, non è l’unico bonus che si può richiedere. Bisogna sempre tenersi aggiornati e controllare le iniziative degli enti locali (del proprio Comune) o dell’Inps. Accade sempre più spesso che siano le autonomie locali a prendere dei provvedimenti per il supporto dei propri cittadini in difficoltà.