Stufa elettrica, sapete quanto vi costa per ogni ora? La cifra che non ti aspetti

La stufa elettrica è essenziale per scaldare la casa, ma quando costa ogni ora? È il momento di pensare ad una alternativa?

stufa elettrica quanto vi costa
Stufa elettrica, quanto consuma? – imilanesi.nanopress.it

Tuttavia è bene capire in che modo può pesare sul costo della bolletta elettrica.

Stufa elettrica,  quanto costa

La stufa elettrica è perfetta per scaldare gli ambienti di piccola metratura, e per quanto in termini economici non sia la tecnologia più vantaggiosa, la stufa elettrica è tutt’oggi un modo semplice per scaldare ambienti quali ad esempio il bagno.

Rispetto al passato sul mercato offre diverse stufe elettriche con un consumo inferiore, di conseguenza se occorre acquistarne è bene fare una valutazione circa che tipo rispecchia i nostri bisogni, ma senza gravare eccessivamente sulla bolletta.

Regolazione termostato
Regolazione termostato -imilanesi.nanopress.it

Tuttavia prima di avventurarci nell’acquisto di una stufa elettrica occorre comprendere che consumi da il suo uso. Una stufa elettrica consuma n maniera diversa secondo il modello, e può andare da 300 fino a 2500 Watt. Quindi per sapere quanto ci costerà il suo uso è sufficiente moltiplicare la potenza per il numero di ore impiegate.

Quindi con una stufa con 1000 W di potenza accesa per 4 ore (4h x 1000W = 4000Wh), darà un consumo della stufa elettrica di 4 kWh.

Una volta che si è moltiplicato il numero per la tariffa che ci viene applicata dal gestore di fornitura elettrica si ottiene quanto in effetti si pagherà in bolletta.

Scaldarsi le mani con la stufa elettrica
Scaldarsi le mani con la stufa elettrica – iilanesi.nanopress.it

Nella scelta del modello quelle con il termostato, consentono di limitare il consumo, di conseguenza si può optare il modello più indicato per noi e le nostre necessità.

Ovviamente più è ampio l’ambiente da riscaldare, più tempo la stufa dovrà restare accesa consumando una maggiore quantità di energia elettrica. Per cui non è consigliabile impiegarla a lungo.

Stufe a parete e stufe mobili

In commercio si possono trovare sia stufe mobili, per cui trasportabili che stufe fisse, anche se la loro installazione non richiede molto impegno. Una cosa non può però mancare: una presa di corrente.

Per quanti gradiscono l’effetto scenico, alcune stufe elettriche, ci sono dei tipi che ricreano una fiamma come ad esempio la luce al led. Se si tratta di un apparecchio a parete di ottima qualità, la potenza è generalmente di 1800 W e il prezzo è di circa 0,40 € per ogni ora di funzionamento.

Donna si scalda con la stufa elettrica
Donna si scalda con la stufa elettrica – imilanesi.nanopress.it

Tuttavia, occorre considerare il prezzo dell’apparecchio in sé: qualche modello può superare i 1.000 euro.

Riguardo le stufe elettriche portatili, del tipo tradizionale, bisogna diversificarle tra quelle infondono calore all’ambiente per ventilazione, e quelle a irraggiamento.

Quest’ultime  impiegano materie più efficienti circa la trasmissione di calore o quelle che hanno lampade a basso consumo, in grado di dare un riscaldamento termico superiore anche ambienti più grandi.

Gli apparecchi del primo tipo sono dotati di una semplice resistenza elettrica la quale, quando si surriscalda, trasferisce il calore al relativo corpo radiante e, da questo, all’ambiente che lo circonda.

Termosifone elettrico a parete con termostato
Termosifone elettrico a parete con termostato – imilanesi.nanopress.it

Se la metratura è più ampia, fino a un massimo di 20-25 m², è opportuno considerare come alternativa una stufa elettrica, o un radiatore, a olio. La resistenza elettrica viene utilizzata per riscaldare l’olio, che poi diffonde il calore nell’ambiente, il che rende questo modello adatto a un uso prolungato.

I termosifoni a olio costano in media dai 50 ai 60 €uro e presentano lo svantaggio di essere piuttosto ingombranti. In compenso, garantiscono un comfort termico duraturo e, in termini percentuali, un consumo relativamente ridotto.