Romano La Russa, saluto fascista ai funerali di un militante: “Si dissoci pubblicamente”

Polemiche per il neo assessore alla sicurezza della Regione Lombardia. Romano La Russa fa il saluto fascista, inquadrato durante un funerale.

Romano La Russa
Romano La Russa (Foto da Facebook) – imilanesi.nanopress.it

Una commemorazione fascista durante il funerale di Stabilini, rinomato militante della destra cittadina, svoltasi lo scorso 19 settembre. Romano La Russa inquadrato in un video durante i saluti fascisti: scoppia la polemica. Il Partito Democratico invita a dissociarsi.

Romano La Russa, saluto fascista al funerale di Stabilini

Un triplice saluto fascista. Uno abbastanza convinto, gli altri due per la verità poco più che un accenno. Una sorta di “Vorrei ma non posso?”. “Forse è meglio evitare?” Avrà pensato Romano La Russa al terzo tentativo, che si è concesso sul finale giusto una piccola alzata di braccio.

Le immagini però purtroppo parlano chiaro, e non lasciano spazio a molte interpretazioni. L’assessore alla sicurezza della Regione Lombardia è stato inquadrato durante un funerale, già dalle dubbie celebrazioni visti i toni e le commemorazioni. Il fratello di Ignazio ha dunque, come da tradizione nera, alzato il braccio insieme ai sicuramente più convinti “camerati” che pare non vedessero proprio l’ora, con tanto di risposta “Presente!”.

Le immagini risalgono allo scorso 19 settembre, durante il funerale di Alberto Stabilini un rinomato militante della destra cittadina. Funerale svoltosi presso la chiesa di via Copernico, a Milano.

E se parecchi si sono indignati a causa queste esibizioni, la scena di un assessore della Regione prestarsi a questi rituali ha sicuramente fatto storcere il naso agli oppositori politici. La risposta del Pd è arrivata immediatamente. Il partito democratico ha chiesto a Fontana di intervenire, e a La Russa stesso di dissociarsi pubblicamente.

Milano, Romano La Russa e il saluto fascista: “Mozione di censura”

Sarebbe pronto a depositare una mozione di censura contro La Russa il Pd, qualora non dovessero essere presi dei provvedimenti. Lo ha fatto sapere il consigliere regionale Fabio Pizzul, intervenuto sulle immagini proveniente dal rito di “chiara matrice neo fascista”.

“Un fatto molto grave” continua il consigliere, che chiede al fratello di Ignazio di dissociarsi pubblicamente. Qualora non arrivassero le scuse dirette, il Pd sarebbe pronto a depositarie in consiglio una mozione di censura, con tanto di invito a Fontana a prendere provvedimenti.

Romano La Russa
Romano La Russa – imilanesi.nanopress.it

Il video cattura inequivocabilmente l’assessore di Fratelli d’Italia prendere parte attivamente al funerale di Stabilini – simili alle commemorazioni di Sergio Ramelli, studente di 19 anni ucciso negli anni ’70 dagli estremisti di sinistra. Proprio insieme a Romano La Russa, Stabilini era stato in carcere per scontri che avevano portato alla morte dell’agente Marino.

L’esponente di Fratelli d’Italia aveva da poco sostituito Riccardo De Corato, che aveva preso la decisione di candidarsi in Parlamento, nel posto di assessore alla Sicurezza.